Unità di Ricerca: Biologia Regolativa e Genetica Traslazionale

Coordinatore

CognomeNomeQualifica
ARGENTONFRANCESCOProfessore ordinario


Componenti

CognomeNomeQualificaRuolo
BEFFAGNAGIORGIAFrequentatoreMembro
BELLESSOSTEFANIAFrequentatoreMembro
DALLA VALLELUISAProfessore associato confermatoMembro
DINARELLOALBERTODottorandoMembro
DINARELLOALBERTODottorandoMembro
EKOLIVIERFrequentatoreMembro
FACCHINELLONICOLAAssegnista di ricercaMembro
FONTANACAMILLA MARIADottorandoMembro
GIULIODORIALICEFrequentatoreMembro
MENEGHETTIGIACOMOAssegnista di RicercaMembro
PIVOTTILUIGIPersonale tecnico amministrativoMembro
SCHIAVONEMARCOFrequentatoreMembro
SKOBOTATJANADottorandoMembro
TISONATASCIAProfessore associato confermatoMembro
ZANGROSSIMANUELADottorandoMembro
ARGENTONFRANCESCOProfessore ordinarioCoordinatore


Aree di Ricerca

L’unità di Biologia Regolativa e Genetica Traslazionale è principalmente focalizzata sull’utilizzo di Zebrafish per modellizzare meccanismi regolativi implicati nello sviluppo normale e patologico. Il focus principale è su Pancreas e sue neoplasie, ma le numerose collaborazioni riguardano anche patologie mitocondriali, distrofie ed altre malattie genetiche. Per lo scopo si avvale di linee di pesci mutanti e transgenici nei quali a) evidenziare in vivo i processi cellulari principali (sopravvivenza, proliferazione, movimento e differenziamento) e b) comprendere come le vie di traduzione del segnale mantengano l’equilibrio fra i vari processi. Le tecniche principali della biologia molecolare, embriologia sperimentale, genetica e biologia cellulare usate spaziano dalla classica PCR, all’ibridazione in situ su embrione intero, il Genome Editing, la produzione di mutanti ed animali transgenici, genotyping e caratterizzazione di mutanti, analisi di dati NGS fino alla microscopia confocale in vivo.